Bilancio d’esercizio 2020: Valori, Concretezza e Ripartenza

GEA RINGRAZIA I SUOI TITANI
GEA RINGRAZIA I SUOI TITANI
7 luglio 2021
Martedi 20 Luglio 2021 > Presentazione del Volume “Io sono un Titano”
14 luglio 2021

Bilancio d’esercizio 2020: Valori, Concretezza e Ripartenza

Assemblea dei So

Il 6 luglio si è riunita l’assemblea dei soci della Cooperativa Gea svoltasi in collegamento streaming e in presenza per garantire le dovute misure di sicurezza.
Il bilancio di esercizio 2020 pur risentendo degli effetti della pandemia è stato chiuso in utile, grazie alla solidità della cooperativa e all’impegno di soci e lavoratori  si è riusciti a contenere gli effetti negativi, con un dato occupazionale di oltre 200 lavoratori impegnati e  con un’alta percentuale di donne occupate  pari all’85%.
Durante i lavori di un’assemblea partecipata da oltre il 90% dei soci, il Presidente di Gea Claudio Romano, ha ripercorso quest’anno molto impegnativo e doloroso, durante il quale l’impegno della Cooperativa non ha mai avuto battute di arresto. Anzi con il supporto e il sostegno di operatori validi, la cooperativa nonostante le avversità legate all’emergenza pandemica è riuscita a riadattarsi ad una nuova condizione sociale e non solo, cercando di dare continuità ai servizi e garantendo, pur nelle nuove difficili condizioni, qualità e vicinanza alle persone. Da ciò emerge che alla crisi pandemica, Gea, ha reagito in modo creativo e dinamico, riorganizzando la propria offerta, facendo rete insieme ad altri soggetti e progettando nuovi servizi. Ha saputo trasformarsi, talvolta in maniera radicale, per portare avanti le proprie attività e continuare ad essere protagonista attiva e punto di riferimento per i propri utenti e le comunità in cui opera.  Ciò che ha fatto una grande differenza sono i valori, ossia l’orientamento di tutta la Cooperativa a mettere al centro la persona e i suoi bisogni anche quando ciò avrebbe comportato la necessità di ripensare completamente le consuete modalità di lavoro.

Assemblea dei Soci
Orientandoci in questa direzione, in particolare, è interessante notare come una riorganizzazione e un riassetto delle modalità di erogazione dei servizi si è avuto nelle residenze per anziani, nelle quali si sono attivati tutte le procedure dettate dalle Circolari Ministeriali : informazione, formazione  ai dipendenti e attivazione dei protocolli   per evitare il contagio dei nostri ospiti, inoltre nel periodo del lockdown, i nostri operatori hanno fatto sentire meno soli i nostri ospiti attraverso   videochiamate  ai propri familiari. Attività come questa hanno permesso una continuità con i contatti con l’esterno e hanno reso, per quanto possibile, marginali e contenute le conseguenze legate alla pandemia come l’isolamento, la paura e la solitudine, aspetti che possono essere determinanti  e aggravare il declino psicoemotivo dell’anziano. Accanto a ciò sono stati ripensati i servizi per l’infanzia garantendo la continuità dei servizi da remoto in modo del tutto volontario con un impegno unico da parte degli educatori. Attraverso il loro costante impegno e la loro grande determinazione è stato possibile offrire ai bambini una continuità rispetto alle attività per mantenere, seppur a distanza, una possibilità di socializzazione e di stimolo delle loro potenzialità cognitive, affettive e sociali nella prospettiva del loro benessere del loro armonico sviluppo.   Gea, inoltre, da sempre attiva nel settore delle pulizie, dal mese di maggio 2020 è stata abilitata all’attività di disinfezione e sanificazione e, nel rispetto delle normative sanitarie per il Covid-19, ha iniziato un’attività di sanificazione in strutture pubbliche e private. Tale riconoscimento è stato inserito all’interno del IV Rapporto sull’Impresa Sociale di Iris Network, all’interno del quale sono state messe in evidenze, attraverso un’indagine qualitativa, le strategie di resilienza messe in atto da imprese sociali ed enti di terzo settore durante la prima ondata pandemica.


Sono state varate misure straordinarie sia per la sicurezza dei nostri lavoratori con una spesa di € 150.000. Ma soprattutto è stato ampliato il welfare aziendale attraverso lo Sportello di Ascolto e Sostegno Psicologico, per supportare l’impatto legato all’emergenza Covid 19.  Lo Sportello ha avuto dunque l’obiettivo di tutelare il benessere psicologico della persona, favorendo i processi di elaborazione emotiva e le strategie di adattamento individuali; intervenendo sui livelli di stress e il senso di difficoltà relativi all’impatto emotivo dell’evento ed ha erogato informazioni utili sulle conseguenze pratiche dell’evento da un punto di vista psicologico acquisendo anche strumenti per incrementare la propria resilienza. Uno spazio di ascolto per cui il lavoratore non è stato lasciato solo con il proprio disagio. Il valore di questo genere di iniziative è dato anche dalla consapevolezza, che si instaura nei lavoratori, di avere una concreta possibilità di confronto emotivo e relazionale.  Sapere che esistono fattori di sostegno messi a disposizione contribuisce di per sé alla realizzazione di un clima aziendale positivo, con un incremento del senso di protezione percepito e un beneficio indiretto anche per chi non fruisce direttamente del servizio.
Nulla si è fermato sia sul fronte dell’innovazione che sul fronte dei servizi. Grazie alle competenze maturate e alla resilienza dei soci si sono avviate nuove progettualità, la sperimentazione di un progetto di telemedicina e la progettazione di nuovi modelli residenziali per anziani. Tutte iniziative che segnano l’inizio di una ripartenza, di un punto di svolta all’interno del mondo sociale.

GEA RINGRAZIA I SUOI TITANI

A conclusione di un assemblea in cui tutti si sono sentiti parte integrante della cooperativa , con una cerimonia  semplice e toccante, il Presidente Claudio Romano,  ha consegnato ai coordinatori di aree una targa, simbolo di una partecipazione di tutti gli operatori presenti all’interno della Cooperativa sottolineando come nella fase pandemica non si siano mai risparmiati e non si siano mai tirati indietro, neanche quando gli è stato chiesto di schierarsi in prima linea per il bene della Cooperativa, dei suoi dipendenti e soprattutto dei suoi utenti.
La forza di tutta una comunità, di tutta una cooperativa, si ritrova in questi gesti e in queste persone ed è per questo che il Presidente Claudio Romano ha voluto premiare la concretezza, abnegazione e disponibilità che possono essere presi d’esempio da tutti gli operatori di  Gea.